Marta Abbà 10 novembre 2018

Alberobello

E’ principalmente grazie ai suoi trulli che Alberobello, comune della Puglia, è nella lista dei siti italiani inseriti dall’Unesco nella World Heritage List e non ne contiene centinaia ma solo 54. In dialetto apulo-barese questa nota località viene chiamata Aiarubbédde, conta circa 10 mila abitanti e appartiene alla città metropolitana di Bari. Fa parte della Valle d’Itria e della Murgia dei Trulli, in tutto il mondo è nota per i suoi trulli che dal 1996 sono dall’UNESCO.

Continua a leggere »


Consonno

Nella Brianza lecchese c’è un comune, anzi, la frazione di un piccolo comune, che è passata agli onori di cronaca per le sue trasformazioni romanzesche, si dice sia diventata prima una sorta di Las Vegas e poi, a seguito di una frana, una città abbandonata. E’ chiaro che questo brusco passaggio ha fatto sì che si creasse un’atmosfera molto particolare, non come quella di “normali” città abbandonate dai suoi abitanti. Vedremo infatti che Consonno, così si chiama questa frazione, era diventata una vera e propria cittadella dei divertimenti arroccata sul Monte di Brianza.

Continua a leggere »

Marta Abbà 27 ottobre 2018

Polcenigo

Se stiamo visitando il comune di Polcenigo siamo in provincia di Pordenone, nella Regione Friuli-Venezia Giulia. Questo borgo è di fatto uno dei più belli di Italia se non ve ne siete già accorti facendovi due passi, conta poco più di 3 mila abitanti e si trova a 42 metri sopra il livello del mare. Non da sul mare ma se ne sta in collina.

Continua a leggere »

Marta Abbà 20 ottobre 2018

Orvinio

A Orvinio c’è un bel castello ma questo paese offre anche numerose opportunità per passeggiare nel verde, e non in un’area naturale qualunque, bensì all’interno di un Parco. Andiamo a visitarlo, sapendo già che ne varrà la pena anche perché è tra i borghi più belli di Italia.

Continua a leggere »

Marta Abbà 8 ottobre 2018

Etroubles

Si chiama Étroble in patois valdostano, è stato chiamato Etroble durante il fascismo dal 1939 al 1946, oggi si chiama Étroubles. Stiamo parlando di un comune italiano della Valle del Gran San Bernardo, una vallata laterale della Valle d’Aosta. Siamo al confine con la Svizzera e stiamo respirando aria buona, siamo pronti per fare una passeggiata esplorativa ad alta quota immergendoci nella natura in un clima piuttosto fresco. Prima soddisfiamo una curiosità sul nome di questo paesino. Il toponimo Etroubles deriva dal dialetto valdostano Étrobbla, che indica la stoppia, la paglia alla radice di cereali quali il frumento, l’avena o l’orzo.

Continua a leggere »