Marta Abbà 8 ottobre 2018

Etroubles

Si chiama Étroble in patois valdostano, è stato chiamato Etroble durante il fascismo dal 1939 al 1946, oggi si chiama Étroubles. Stiamo parlando di un comune italiano della Valle del Gran San Bernardo, una vallata laterale della Valle d’Aosta. Siamo al confine con la Svizzera e stiamo respirando aria buona, siamo pronti per fare una passeggiata esplorativa ad alta quota immergendoci nella natura in un clima piuttosto fresco. Prima soddisfiamo una curiosità sul nome di questo paesino. Il toponimo Etroubles deriva dal dialetto valdostano Étrobbla, che indica la stoppia, la paglia alla radice di cereali quali il frumento, l’avena o l’orzo.

Continua a leggere »


Marta Abbà 1 ottobre 2018

Vico del Gargano

Tra mare e foresta, per la precisione a 6 chilometri dal mare e a poco più di 10 dalla Foresta Umbra, si trova un bel borgo, Vico del Gargano, abbracciato dal territorio protetto del Parco Nazionale del Gargano. Non è un bel borgo qualsiasi ma è uno dei Borghi più Belli d’Italia, ufficialmente.

Continua a leggere »

Marta Abbà 24 settembre 2018

Pietrapertosa

In provincia di Potenza, in Basilicata, gli appassionati di antichi borghi possono visitare Pietrapertosa. Si tratta di una cittadina di piccole dimensioni ma non di quelle in cui dopo aver fatto due passi ci si comincia ad annoiare. A Pietrapertosa c’è un’atmosfera di storia e di cultura che si respira per le sue strade grazie ai palazzi che vi si affacciano e poi c’è un castello che da solo vale la visita. Non scordiamoci del panorama, godibile da questo borgo che è situato in prossimità delle suggestive vette delle Dolomiti Lucane oltre ad essere anche ufficialmente parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia.

Continua a leggere »

Marta Abbà 17 settembre 2018

Bosco WWF di Vanzago

Il Bosco WWF di Vanzago si trova a due passi dalla metropoli di Milano ed è una vera e propria oasi, non per modo di dire. Uno spazio verde che resiste vicino alla città è sempre descrivibile come un’oasi di relax, un’oasi di silenzio in cui trascorrere qualche ora ma in questo caso siamo di fronte ad un’area che ha un valore riconosciuto anche dal WWF, e non solo.

Vediamo come raggiungerla e che attività ospita, per programmare una gita fuori porta, perfetta per tutti colore che vogliono decomprimersi nel weekend, perfetta per chiunque voglia portare i bambini ad immergersi nella natura senza smettere di giocare e scoprire nuove creature.

Continua a leggere »

Marta Abbà 10 settembre 2018

grottaglie

Grottaglie è nota come la “città dalle molte grotte” perché effettivamente ce ne sono molte nei dintorno di questo borgo che sorge su una collina a pochi chilometri da Taranto e sul ciglio del gradone murgiano che degrada verso il Mar Piccolo. Grottaglie sarà presto nota anche come sede di uno spazioporto perché dal 2020 in poi chi vuole visitare lo spazio dovrà raggiungere questo comune per imbarcarsi e partire. E’ una cittadina tra presente e futuro che ha molte tracce di passato da mostrare.

A voi la scelta se andare a vedere le grotte adesso e il futuro fra un paio di anni, noi iniziamo a raccontare cosa c’è da vedere e da acquistare. Sì, perché la tradizione di Grottaglie è quella delle ceramiche, guai a passare di lì e non comprare nemmeno uno piccolo oggetto tipico del paese. Rimpiangeremmo questa scelta.

Continua a leggere »