Matteo Di Felice 23 Giugno 2021

Costa Smeralda

Situata al centro del Mar Mediterraneo, la Sardegna è la seconda isola dell’Italia per grandezza. Se si pensa a quest’isola, immediatamente la mente riporta al mare, dato che si tratta della regione italiana con l’area costiera più sviluppata (ben 1840 Km) e le spiagge sono piccole perle che sembrano uscite direttamente da una cartolina, ben incastonate in ricca vegetazione mediterranea. Tuttavia, la Sardegna non consente solo di godersi qualche giornata di meritato relax, ma anche di fare dei veri e propri tour alla scoperta della cultura (anche culinaria) e della natura, magari organizzando dei viaggi di gruppo per anziani oppure gite scolastiche.

Organizzare un viaggio di gruppo in Sardegna

La prima cosa da fare, se si vuole organizzare un viaggio di gruppo su quest’isola, è decidere la zona da visitare e soprattutto come raggiungerla. Infatti, è possibile arrivare in Sardegna con i collegamenti aerei oppure effettuando una prenotazione traghetto per gruppi, anche scolastici e centri anziani, al fine di risparmiare acquistando più biglietti in un’unica soluzione. Ovviamente, poi bisogna pensare all’alloggio. In genere, i b&b permettono di risparmiare rispetto alla prenotazione degli hotel.  Un altro aspetto da considerare è se includere almeno un pasto oppure no.  Se si organizza un viaggio per ragazzi, è probabile che vogliano provvedere da soli a cosa mangiare, visitando i locali in giro per l’isola; invece gli anziani trovano più comodo pranzare e cenare presso l’alloggio. Ci si deve occupare, poi, dell’itinerario, prenotando i mezzi di trasporto per spostarsi e trovando i prezzi più convenienti per attrazioni e musei da visitare.

Cagliari e Nuoro, all’insegna della cultura

Cagliari e Nuoro sono due località perfette per trascorrere una vacanza in Sardegna all’insegna della cultura, grazie alle bellezze artistiche custodite nei musei del territorio. A Cagliari, vi è la Cittadella dei musei, il polo museale che raccoglie diversi musei, tra cui il più importante di tutta la Sardegna, ovvero il museo archeologico nazionale di Cagliari.  Qui sono esposti reperti ed oggetti preziosi, tra cui il busto di Traiano, il Gigante di Monte Parma ecc. Vi sono, poi, la Pinacoteca Nazionale, che espone dipinti di artisti sardi dal cinquecento al novecento; il museo delle cere anatomiche, dove è possibile vedere delle riproduzioni in cera delle parti del corpo umano; il MAS, che racchiude la collezione siamese; ed il museo etnografico, che raccoglie opere d’arte e di artigianato.  A Nuoro, invece, è possibile visitare il Museo del Costume, spazio espositivo di costumi della tradizione Sarda, ed il museo artistico.  A Cagliari, oltre ad i musei, è possibile ammirare anche monumenti e luoghi storico-artistici. Uno dei più famosi e visitati, è sicuramente il Bastione di Saint Remy, che si chiama così per via del primo viceré piemontese. Questa costruzione è caratterizzata da due terrazze, e dalla più piccola è possibile ammirare un bellissimo panorama fino alle coste di Villasimius. Il cimitero di Bonaria, risalente al 1829, permette di visitare tombe di personalità illustri, adornate da sculture. Porta Cristina è invece un’antica via d’accesso al Quartiere Castello, realizzata in stile neoclassico e dedicata alla moglie del Re Carlo Felice di Savoia, ovvero Maria Cristina di Borbone.

bastione di Saint Remy

Il bastione di Saint Remy a Cagliari

Alla scoperta della cultura culinaria sarda

La cucina sarda ha delle origini molto antiche ed è stata influenzata in modo molto evidente da tutti i popoli che hanno attraversato l’isola anche solo di passaggio. Un esempio molto concreto è dato dalla gastronomia tabarkina, ovvero la cucina dell’Isola di San Pietro, in cui la cultura culinaria ligure e quella africana si fondono per dar vita ad una cucina unica e particolare.

Alcune delle preparazioni a base di pesce più famose sono la fregola con le vongole, le aragoste alla catalana, gli spaghetti con la bottarga e l’insalata di polpo. Per quanto riguarda invece la cucina pastorale e contadina gli elementi principali che la contraddistinguono sono il famosissimo porceddu ed i formaggi, come il pecorino. Uno degli alimenti più famosi dell’isola è sicuramente il pane carasau, che viene servito in tutti i ristoranti del territorio.


Matteo Di Felice 7 Giugno 2021

murales a Milano

La geografia di Milano è sempre più caratterizzata dai graffiti, non perché ne stia aumentando particolarmente il numero ma perché i Murales a Milano stanno sempre più diventando parte del portfolio artistico della città.

Per chi arriva in visita e per chi ci vive, è spesso un piacere poterli ammirare in quelle zone che, senza i loro colori sarebbero più tristi e grigie. Queste opere d’arte all’aperto diventano anche dei mezzi per comunicare l’identità di un quartiere o di un’area, e l’anima di una città che sta vivendo degli anni positivi.

Murales a Milano e musica

Oltre ai murales a Milano, sparsi per la città che andremo a scovare tra qualche riga, qui e là, nei vari quartieri, esistono veri e propri progetti culturali più ampi, pensati per unire l’arte dei graffiti ad altre espressioni artistiche, ad esempio con la musica. Un esempio su tutti è con quella di Enzo Jannacci, un vero e proprio personaggio che ha saputo cantare Milano e i suoi abitanti come pochi altri. Ecco in cosa consiste l’iniziativa che il Consiglio di Zona 4 ha realizzato per rendere omaggio ad Enzo Jannacci: si tratta di un vero e proprio itinerario culturale che ci accompagna in giro per le periferie della città con la colonna sonora delle canzoni più significative del cantante e cabarettista. E’ un modo alternativo di conoscere Milano, molto divertente anche per chi ci vive da anni ma è curioso di vedere le sue diverse facce. Per maggiori informazioni sul tour, vi rimando ad un articolo del magazine di Expedia Explore.

Continua a leggere »

Marta Abbà 1 Giugno 2021

Recanati

Chi conosce Recanati la conosce per via di Giacomo Leopardi, cittadino illustre di questo borgo che però merita una visita anche al di là del poeta che lo ha reso noto in tutto il mondo. Cero è che risulta difficile scindere l’idea di Recanati con quella di Leopardi che ne ha descritto i luoghi in molte sue opere, in modo incantevole e memorabile.

Continua a leggere »

Marta Abbà 20 Maggio 2021

crater lake

Paesaggi ampi e naturali, tanto verde ma anche tanto blu, silenzio e relax nell’aria pura. Possiamo trovare tutto questo nel cratere di un vulcano dell’Oregon, negli Stati Uniti. Una visione paradisiaca da non perdere ed è per questo che ora andiamo a scoprire come e quando visitare Crater Lake. Come avrete intuito dal nome della località, nel cratere si è formato un lago, un lago speciale sia perché non ha affluenti ma viene alimentato solo dalle piogge e dallo scioglimento della neve, sia perché risulta essere il lago più profondo degli interi Stati Uniti

Continua a leggere »

Matteo Di Felice 5 Maggio 2021

Gli Stati Uniti d’America e il Canada sono destinazioni perfette per un viaggio on the road. Entrambi i Paesi sono enormi e hanno tanto da offrire. Si pensa ai vari parchi nazionali e le numerose famose città. Ci sono inoltre strade famose, come la Route 66, l’Alaska Highway o l’Icefields Parkway, la famosa strada panoramica che collega i parchi nazionali canadesi Banff e Jasper.

In questo articolo si descrivono alcuni percorsi per un viaggio in auto. Per un road trip attraverso l’America del Nord, è necessario fare alcuni preparativi, come la richiesta di un ESTA USA, un’eTA Canada e una patente di guida internazionale.

Continua a leggere »