Fu la capitale della Signoria degli Estensi e ancora oggi conserva, almeno nelle sue architetture, i fasti del XIV e XV secolo. Stiamo parlando di Ferrara, una delle culle del Rinascimento, patrimonio Unesco dal 1995.

vista dal Castello Estense

vista dal Castello Estense

Cosa vedere a Ferrara? Ecco qui di seguito qualche consiglio:

Castello Estense

Il monumentale Castello Estense è il simbolo di Ferrara e, grazie alla Filantropia degli Este, ha ospitato negli anni grandi artisti e intellettuali come ospitare personalità come Ludovico Ariosto e Torquato Tasso, Niccolò Copernico e Paracelso, Andrea Mantegna e Tiziano, Giovanni Pico della Mirandola e Pietro Bembo.
Il Castello Estense fu edificato nel 1385 come strumento di controllo politico e militare.
L’edificio fu commissionato all’architetto Bartolino da Novara che aveva già progettato il castello di Pavia dal marchese Niccolò II d’Este.
Il Castello è stato costruito intorno alla Torre dei Leoni, un’antica torre di avvistamento. La struttura in origine aveva una mera funzione difensiva ma nel tempo il suo carattere è via via mutato in reggia dinastica.
Il Castello è aperto alle visite dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00. Il prezzo del biglietto intero è di 6 euro.

–  Museo Archeologico Nazionale

Il Museo Archeologico Nazionale è ospitato a Palazzo Costabili, detto anche palazzo di Ludovico il Moro. Solo il palazzo da solo merita già i 5 euro del biglietto d’ingresso.
Tradizione vuole che il duca di Milano Ludovico il Moro, per sfuggire alle minacce incombenti, avrebbe deciso di farsi edificare una dimora nella tranquilla capitale estense, città che diede i natali a sua moglie Beatrice d’Este.
Le sale del piano nobile ospitano oggi il Museo Archeologico Nazionale, dove sono esposti diversi manufatti provenienti soprattutto dagli scavi della città etrusca di Spina.
Spina, abbandonata durante il II secolo a.C., venne scoperta in seguito all’opera di prosciugamento delle Valli di Comacchio. Nella necropoli sono state trovate più di 4.000 tombe, alle quali vanno aggiunti gli scavi di una parte dell’abitato.

Via delle Volte

Via delle Volte è il cuore della città medievale, il fulcro delle vie estensi. Prende il nome dai passaggi fra palazzi che dominano sulla strada.  Durante il medioevo era un’ importante via di commercianti. In tempi più recenti invecede delle merci si vendeva l'”amore”. Oggigiorno invece vi si trova qualche trattoria e qualche studio di architettura. Passeggiare sotto queste volte è davvero suggestivo, sembra di fare una passeggiata indietro nel tempo!

– Duomo Cattedrale di San Giorgio

La Cattedrale fu costruita nel XII secolo e si trova in centro città, di fronte al Palazzo Comunale, a fianco della antica Piazza delle Erbe, ora piazza Trento e Trieste, non lontano dal Castello Estense. Nella Cattedrale è anche sepolto Papa Urbano III. La cattedrale merita una visita anche per il suo armonico mix di stili architettonici che va dal gotico al neoclassico.

Monastero di Sant’Antonio in Polesine

Il monastero fu fondato nell’alto medioevo dagli agostiniani e nel 1297 passò alle monache benedettine della beata Beatrice II d’Este. Da allora il monastero fu sempre protetto e patrocinato dagli Estensi. Oggi si presenta perfettamente conservato e potrete visitarlo scortati dalle suore che vi faranno anche da guida tra gli stupefacenti affreschi che contiene. Qui regnano il silenzio e la bellezza semplice dell’arte. La mattina è anche possibile ascoltare i canti gregoriani delle suore di clausura, un’esperienza davvero suggestiva.

Per scoprire cos’altro vedere a Ferrara date un’occhiata alla nostra fotogallery!

Clicca sulla foto per aprire la Fotogallery

Clicca sulla foto per aprire la Fotogallery

Non perdetevi le altre città dell’Emilia Romagna, date un’occhiata anche alle nostre gallery su Bologna, Ravenna, Piacenza, Parma e Modena!

Tags: estensi, Ferrara, unesco